Facebook Info Rivenditori Consumi Prezzi e Iva Piastrellisti
× Esempi pratici
Posa pavimento Posa rivestimento Posa listoni e formati grandi Sovrapposizione Formazione terrazzo Formazione Marciapiede Ristrutturazione bagno Riparazione piastrelle Vetrocemento e Lucernari Posa marmi Scale, tracciatura e formazione Consigli Pulizia
Un pò di teoria
Attrezzi da lavoro Materiali Massetto Isolamento Piastrellatura

☰ Pagine informative
× Trova prezzi:
Attrezzatura Piastrelle Fintapietra Mosaico Palladiana Rosoni Vetromattoni Profili e distanziatori Collanti Pannelli Pulizia
Antinfortunistica
Più venduti

☰ Trova prezzi

POSA PAVIMENTO PASSO PASSO CON ESEMPI


Qui di seguito verrà riportato un esempio di come procedere per la piastrellatura di un pavimento con formati e posa differente nelle diverse stanze:
  • 50X50 nella zona giorno e corridoio posa dritta con fuga 2mm.
  • 20X20 nel bagno posa diagonale a 45° accostate.
  • Pavimento in legno nella camera, quindi per il piastrellista rimarrà grezza.


Innanzitutto si dovrà fare il massetto. Quindi la prima cosa da fare sarà rilevare un punto di altezza come riferimento di livello in entrata, tracciare tutti i punti di livello e posizionare la spugna perimetrale. Per lo sviluppo del massetto vedi la pagina dedicata. Da qui si dovrà attendare almeno 3 o 4 settimane, da valutare in base alla temperatura e umidità ambiante.

PARTENZA POSA PIASTRELLE

Di base la partenza di un pavimento in piastrelle si effettua dalla porta d'entrata, ma è soggettivo e dipende anche dal tipo di piastrelle. Una piastrella quadrata o rettangolare sarà sicuramente più piacevole vederla intera aprendo una porta, a differenza di un pezzo tagliato. Se poi la misura della stanza ha un multiplo di poco superiore ad un numero "X" di piastrelle si può incorrere con il rischio di avere un pezzetto molto piccolo, in genere poco gradevole alla vista.
Questa regola ovviamente va modificata anche in base al tipo di stanza e da quante porte è composta. Avere ad esempio una cucina o soggiorno con due porte non in linea, comporterà la scelta di una delle due porte come partenza e la seconda andrà tagliata la piastrella in base al suo corretto multiplo. La scelta in questo caso è fra quale delle due comporta un taglio più grande e soprattutto se una delle due porte è principale o meno.
Nel caso di pavimenti in listoni con una posa in lunghezza, la partenza avverrà lungo la parete più lunga che fa da squadra.
stanza Arrivati al momento di posa, effettuare un controllo per verificare che le piastrelle siano sufficienti per completare il lavoro. Può capitare un errore di conteggio, quindi si dovrebbe farlo per capire anche il margine di tolleranza calcolato come scarto. Controllare che ci sia il collante adatto ed eventuali distanziatori da mettere fra le piastrelle per la fuga.
Qui iniziamo con la posa del 50X50.
Si inizia con il rilevare le misure di partenza tracciando con il battifilo la linea di riferimento, si posizionerà una staggia abbastanza lunga lungo questa linea e si inizierà la posa. Per praticità ad esempio per questa stanza, calcolare almeno 2 o 3 piastrelle nel lato destro per lasciare libero il passaggio d'uscita. Procedere con la piastrellatura della stanza calcolando di completarla lasciando un passaggio minimo per la propria comodità di lavoro.
stanza Per il corridoio basterà mettere una staggia lungo la linea di riferimento già posata, controllando opportunamente che la linea risulti perfettamente dritta, cosi da poter mettere le piastrelle intere come riferimento e poter misurare i vari pezzi da tagliare e relativi incastri con smerigliatrice.
Nella casa in questione, abbiamo una porta ad apertura interna verso la zona notte, mentre una scorrevole per il bagno. Il taglio delle piastrelle dovrà essere a filo muro interno per il termine della zona giorno mentre si dovrà finire con le piastrelle al centro della porta scorrevole. Questi 2 riferimenti valgono sempre. Eventuali imperfezioni di taglio si possono correggere anche in seguito segnando con una matita i punti da rifilare con la smerigliatrice. Si proseguirà con il completamento del corridoio e poi uscire dalla stanza tramite lo spazio calcolato all'inizio. In questo caso è consigliabile posare almeno una fila di piastrelle prima di percorrere la posa completando il tutto.
N.B.: nella linea della porta, verificare sempre che le piastrelle siano posate correttamente a livello utilizzando una bolla. stanza Prima di iniziare la posa del pavimento del bagno, controllare eventuali imperfezioni come detto sopra al termine del pavimento posato in precedenza. Nel caso ci siano imperfezioni, correggere con smerigliatrice e successivamente passare alla posa.
Il procedimento è simile, solo che la partenza sarà con piastrelle tagliate a metà, si traccia una linea seguendo questa volta le punte delle piastrelle e si passa alla posa. In questi casi, le verifiche dell'allineamento dovranno essere più frequenti, sia perchè la piastrella è più piccola, sia perchè si dovrà comunque controllare che l'allineamento delle fughe risulti perfetto. Utile in questi casi la squadretta ad angolo da 90° e 45°. Per il resto la modalità rimane la stessa, cioè
  • Proseguimento fino in fondo a parete
  • Congiungimento con le punte in modo da ottenere una linea con il lato delle piastrelle
  • completamento della stanza
stanza Completato il lavoro, assicurarsi che nessuno entri nella stanza prima che la colla faccia presa, solitamente 24 ore. In estate anche poco più di 14 ore ma è bene accertarsi prima di camminare sopra guardando e incidendo la colla sotto al pavimento tramite la fuga.
Pulire eventuali residui di colla o altro, togliere eventuali distanziatori lasciati troppo in superficie e passare alla fugatura finale. Anche qui, a fine lavoro, accertarsi che per almeno un giorno non ci sia nessuno che entra ad eseguire lavori. La pedonabilità è consentita solo con scarpe pulite prive di terra o sassi e solo possibilmente camminando al centro della piastrella.
Mai bagnare il pavimento prima che la fuga abbia fatto presa, solitamente un giorno. Il rischio è che la stessa assorba velocemente l'acqua e si sgretoli. In tal caso si deve ristuccare le parti rovinate.

Per la posa di formati misti, ecco una tabella indicativa di alcuni schemi di posa

Posa mista
Taglia piastrelle Montolit

logo del sito
Immagini e documentazioni a cura di Furlan Paolo