Facebook Info Rivenditori Consumi Prezzi e Iva Piastrellisti
× Esempi pratici
Posa pavimento Posa rivestimento Posa listoni e formati grandi Sovrapposizione Formazione terrazzo Formazione Marciapiede Ristrutturazione bagno Riparazione piastrelle Giunti di dilatazione Vetrocemento e Lucernari Posa marmi Scale, tracciatura e formazione Consigli Pulizia
Un pò di teoria
Attrezzi da lavoro Materiali Massetto Isolamento Piastrellatura

☰ Pagine informative
× Trova prezzi:
Attrezzatura Piastrelle Fintapietra Mosaico Palladiana Rosoni Vetromattoni Profili e distanziatori Collanti Pannelli Pulizia
Antinfortunistica
Più venduti

☰ Trova prezzi

REALIZZAZIONE NUOVO TERRAZZO CON PROCEDURA PASSO PASSO

Prendiamo ad esempio un terrazzo con superficie di 30mq con scarico centrale e corridoio laterale
Primo lavoro sarà quello di creare uno scasso perimetrale lungo il muro togliendo lo spessore di intonaco. Nel caso in cui ci sia l'isolamento termico (cappotto) il sistema non cambia, meglio quindi avvertire per tempo gli addetti al lavoro in modo che possano posizionare i pannelli di polistirolo o altro materiale ad una altezza maggiore. Per lo scasso o l'altezza dell'isolamento si dovrà considerare lo spessore del massetto più un'altezza minima di 4cm. Evitare troppo elevato per poter coprire successivamente lo spazio con il battiscopa.



terrazzo Si passerà quindi al posizionamento della spugna perimetrale, posizionamento di un eventuale rete metallica a pavimento e tracciamento dei punti di livello. Da qui si può procedere con la stesura del massetto controllando attentamente che la pendenza verso il punto (o più punti) di scarico sia di minimo 1cm per metro. Per approfondimenti riguardo lo svolgimento vedere la pagine dedicata sulla base teorica. Se possibile, nel corridoio, sarebbe bene posizionare un ulteriore scarico in sua mancanza.

Creare dei giunti già nel massetto. In questo caso il minimo consigliabile è il taglio del massetto in coincidenza dell'angolo della casa, uno a metà del corridoio e uno per dividere il terrazzo, meglio se in prossimità del tubo di scarico dato che in quel punto lo spessore del massetto sarà minore e quindi punto debole. Completato il massetto (che spesso viene eseguito da ditte specializzate) si dovrà attendere la sua completa asciugatura. Generalmente viene calcolato in 3 o 4 settimane, ma viene di volta in volta rivisto in base alla temperatura e allo spessore del massetto stesso.
Si procederà poi con l'isolamento del massetto, specificato nella pagina dedicata, avendo cura di tagliare la spugna a livello del pavimento, accurata pulizia superficiale, preparare tutte le bande perimetrali per maggior garanzia della tenuta, bande da posizionare con l'isolamento sopra i giunti e preparare anche un eventuale imbocco per maggior garanzia di tenuta nello scarico. SEMPRE con una prima passata accurata di tutta la superficie con risvolto sul muro perimetrale per almeno 4cm di altezza e una seconda passata ad essicazione avvenuta (solitamente un giorno dalla prima). Da qui, in base al prodotto scelto, si dovrà attendere che l'isolante completi la sua presa prima di procedere con la posa delle piastrelle (leggere scheda tecnica dell'azienda produttrice).

terrazzo Per la posa, si partirà (salvo diverse indicazioni) con:
  • Tracciamento di una linea parallela al lato più lungo, quello che percorre tutto il corridoio
  • Tracciamento di una linea perpendicolare alla porta d'entrata. Questo per avere in sua prossimità le piastrelle intere
  • Segnare con una matita il punto esatto dei giunti prima della posa oppure segnare in un foglio a parte il punto.
  • Posizionamento di una staggia abbastanza lunga, meglio almeno da 3 o 4 metri, lungo la linea più lunga per poter completare subito il corridoio partendo con la posa piastrelle in coincidenza con l'incrocio delle linee appena tracciate. Un piccolo accorgimento sarebbe quello di togliere anche i distanziatori in prossimità dei giunti. Questo favorirebbe una maggior dilatazione del pavimento sia per assestamenti sia per oscillazioni termiche.
  • Proseguire con la posa del terrazzo lasciando lo spazio sufficiente per l'uscita dalla porta.
  • Completamento della posa piastrelle.
Assicurarsi che nessuno per nessun motivo possa camminare sopra le piastrelle appena posate fin quando la colla non ha fatto presa (solitamente un giorno).
A presa avvenuta si può procedere con l'eventuale ripristino dello scasso perimetrale e posa battiscopa. Si attende la presa di quest'ultimo e si passa alla fugatura del pavimento. Quest'ultimo procedimento, se richiesto per un qualsiasi motivo può essere invertito, fugando prima il pavimento e successivamente la posa battiscopa.
Tempo mediamente almeno un giorno e si può passare all'ultimo passaggio definitivo che consiste nel controllo di eventuali imperfezioni della fuga e sigillatura dei giunti.
Platorello diamantato

logo del sito
Immagini e documentazioni a cura di Furlan Paolo